Ultime
OPCM 4014 de 23.3.2012: norme in materia di rimozione e smaltimento delle macerie PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Lunedì 26 Marzo 2012 23:01

 

Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha firmato, il 23 marzo scorso, l’ordinanza n. 4014 che introduce alcune significative novità sullo smaltimento delle macerie rispetto all’ Opcm n. 3923 del 18 febbraio 2011. Innanzitutto viene fatta la distinzione tra macerie ‘pubbliche’ e ‘private’.

L’articolo 1 individua le “macerie pubbliche” in quelle provenienti dai crolli, dalle demolizioni disposte con ordinanza del sindaco e da interventi edilizi effettuati dalla pubblica amministrazione e prevede il ricorso preponderante alla demolizione ed alla raccolta selettiva. Agevola, inoltre, la realizzazione delle aree pubbliche per il conferimento dei materiali ed il loro mantenimento fino al termine delle necessità. Le “macerie private” sono, invece, quelle provenienti da interventi edilizi effettuati da soggetti privati beneficiari di finanziamenti pubblici. Anche per queste si prevede la demolizione e la raccolta selettiva.

Al fine di garantire la tracciabilità dei rifiuti provenienti dagli interventi edilizi privati, è necessaria la comunicazione delle informazioni secondo le modalità che saranno definite dal Commissario delegato alla ricostruzione entro 20 giorni dalla data di pubblicazione. È prevista, inoltre, la classificazione come “non rifiuto” di tutti gli elementi recuperabili: di interesse architettonico, artistico e storico, coppi, mattoni, ceramiche, pietre, legno e metalli lavorati. Un’altra importante novità riguarda la prosecuzione delle attività già svolte dai Vigili del Fuoco in forza della O.P.C.M. 3950/2011 secondo una apposita pianificazione.

L’articolo 2 dell’ordinanza stabilisce una nuova formulazione dei compiti di A.S.M. S.p.a. e la rendicontazione al soggetto attuatore ed al Comune competente per territorio. Prevede anche  maggiori possibilità operative di ASL, ARTA, Soprintendenza, Servizio Gestione Rifiuti della Regione e il coinvolgimento della Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale. Lo stesso articolo proroga il termine della occupazione temporanea del sito “ex Teges” fino al termine dello stato di emergenza, oggi fissato al 31 dicembre 2012.

L’articolo 3 chiarisce che è possibile impiegare eventuali risorse non utilizzate previste da precedenti O.P.C.M., mentre l’articolo 4 agevola il riutilizzo e l'impiego degli inerti da demolizioni e costruzione, anche prevedendo la cessazione della qualifica di ‘rifiuto’ agli inerti che abbiano caratteristiche conformi alle richieste normative.

L’articolo 5, infine, accelera le procedure di realizzazione degli impianti per la gestione del ciclo delle macerie.

 

Scarica l'ordinanza

 

Fonte: sito web del Commissario per la ricostruzione

 

Tags comune
Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Marzo 2012 23:07
 
OPCM 4013 del 23.3.2012. Le nuove indicazioni per la governance della ricostruzione. PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Venerdì 23 Marzo 2012 22:04

 

Pubblichiamo l'OPCM 4013 del 23.3.2012 avente per oggetto Misure urgenti per la semplificazione, il rigore, nonchè il superamento dell'emergenza determinatasi nella regione Abruzzo a seguito del sisma del giorno 6 aprile 2009.

Con questa ordinanza si riscrivono le regole della govermance della ricostruzione a L'Aquila e nei comuni del cratere. Novità per l'affidamento dei lavori a tecnici e ditte, proroga del CAS e molte altre novità.

 

Scarica l'ordinanza

 

Fonte: sito web del Commissario per la ricostruzione

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 23 Marzo 2012 22:11
 
Contributo di autonoma sistemazione (CAS): sopra 1.000 euro é obbligatorio l'IBAN PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Giovedì 22 Marzo 2012 14:14


Il Comune dell’Aquila potrà pagare i contributi di autonoma sistemazione da 1.000 euro in su unicamente attraverso il bonifico bancario o altro mezzo elettronico. Non sarà dunque più ammesso il pagamento per cassa – al di sopra di questo importo – tramite gli sportelli del tesoriere.

Il settore Assistenza alla popolazione, infatti, ha reso noto che deve essere necessariamente applicato quanto previsto dall’articolo 12 del decreto legge 201 del 6 dicembre 2011, che prevede che le operazioni di pagamento delle spese delle pubbliche amministrazioni centrali e locali e dei loro enti sono disposte mediante l'utilizzo di strumenti telematici e che i pagamenti delle spese in via ordinaria si effettuano mediante accreditamento sui conti correnti bancari o postali dei creditori ovvero su altri strumenti di pagamento elettronici prescelti dal beneficiario. Nella stessa normativa è disposto che gli eventuali pagamenti per cassa non possono, comunque, superare l'importo di mille euro.

Pertanto, gli aventi diritto che superano questa soglia dovranno comunicare l’iban per l’accredito della somma (o scegliere altra forma di pagamento elettronico), recandosi direttamente negli uffici del C.A.S. di via Ulisse Nurzia n. 5, o inviando un fax al n. 0862.325540, oppure inoltrando una posta elettronica all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , indicando il nome del beneficiario.

Trattandosi di una precisa prescrizione di una legge dello Stato, senza tale comunicazione, il Comune non potrà effettuare i pagamenti per questa particolare categoria degli aventi diritto al contributo di autonoma sistemazione.

Allo scopo di rendere più spedita e sicura la procedura di liquidazione del c.a.s., il settore Assistenza alla popolazione consiglia comunque tutti i beneficiari, anche quelli che percepiscono una somma inferiore ai 1.000 euro, a comunicare le coordinate bancarie per l’accredito di conto corrente, ricordando che la banca – al momento – applica comunque le spese di commissioni su tali operazioni di accredito, pari a 1,06 euro.

 

Fonte: Ufficio Stampa del Comune dell'Aquila

 

Tags comune
 
La ricostruzione dei comuni del cratere aquilano. La relazione del ministro Barca PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Venerdì 16 Marzo 2012 19:33

 

Pubblichiamo la relazione "La ricostruzione dei comuni del cratere aquilano" presentata a L'Aquila dal Ministro per la Coesione Territoiale Fabrizio Barca in occasione dell'incontro con il Commissario per la Ricostruzione ed i Sindaci. La relazione è stata illustrata ai giornalisti durante la conferenza stampa tenuta a palazzo Silone a termine degli incontri.

 

Premessa

 

La relazione (Dossier Informativo)

 

Allegati

 

Fonte: sito del Commissario delegato per la ricostruzione

 

Tags comune
Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Marzo 2012 19:56
 
Contributo di autonoma sistemazione (CAS): in pagamento la rata di gennaio 2012 PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Lunedì 05 Marzo 2012 12:22

 


Il Comune dell'Aquila rende noto che è in pagamento la rata di gennaio 2012 del contributo di autonoma sistemazione.

Gli aventi diritto che hanno chiesto la liquidazione in contanti, potranno recarsi in uno qualsiasi degli sportelli della Carispaq. Chi ha invece chiesto il bonifico bancario, si vedrà accreditare la somma sul conto corrente che ha indicato nel giro dei prossimi giorni.

L’elenco completo dei beneficiari di questa forma di assistenza post sisma – che comprende, oltre la mensilità di gennaio, anche il conguaglio dei periodi precedenti – è  pubblicato sul sito internet www.comune.laquila.it, area “Il sisma 2009”, sezione “Contributo di autonoma sistemazione” oppure può essere scaricato da questo sito.

 

 

Scarica l'elenco di Gennaio 2012

 

Fonte: Ufficio stampa del Comune dell'Aquila

 

Tags comune
Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Marzo 2012 12:25
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 91