Contributi e criteri per la riparazione degli edifici con esito A, B e C. Firmate le ordinanze PDF Stampa E-mail
Notizie - Adempimenti per le fasi di ristoro dei danni
Sabato 06 Giugno 2009 21:47

Firmate le ordinanze per la "ricostruzione leggera" dopo il terremoto.

 

L’ordinanza n. 3778 contiene le procedure e il modulo per richiedere al Comune il contributo fino a 10mila euro previsto per la riparazione dei danni di lieve entità delle abitazione classificate come agibili, di tipo A

 

Il contributo può essere richiesto dai proprietari delle abitazioni valutate agibili di tipo “A”, che hanno quindi subito danni non strutturali, riparabili in un mese dall’inizio dei lavori.

 

L’ordinanza n. 3779 contiene le procedure e il modulo per richiedere al Comune il contributo previsto per la riparazione degli edifici inagibili di categoria “B” e “C”. In questo caso occorrono lavori strutturali per rendere di nuovo agibili gli edifici e il contributo copre integralmente le spese per le abitazioni principali. Sono previsti rimborsi anche per gli immobili non adibiti ad abitazione principale o ad uso non abitativo, ma fino all’80 per cento delle spese previste, e comunque non superiori a 80mila euro.

 

Le ordinanze entreranno in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, prevista nella prossima settimana.

 

Scarica l'ordinanza n. 3778 del 6 giugno 2009. Riparazione di edifici con esito A

 

Scarica il modulo per richiedere il contributo e per la comunicazione di inizio atività per gli edifici con esito A

 

Scarica l'ordinanza n. 3779 del 6 giugno 2009. Riparazione di edifici con esito B e C

 

Scarica il modulo per richiedere il contributo per gli edifici con esito B e C

 

Fonte: Dipartimento della Protezione Civile.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Marzo 2010 21:31