Assegnazione alloggi sfitti. Da lunedì 29 si comincia. Possibile l'accordo tra le parti. PDF Stampa E-mail
Notizie - Adempimenti amministrativi, finanziari, bancari
Sabato 27 Giugno 2009 22:38
 
Procedura pubblica
Da lunedì 29 giugno sarà possibile per i proprietari di immobili agibili nel territorio comunale dell’Aquila mettere i loro alloggi – a uso abitativo, dotati dell’impianto di riscaldamento e non utilizzati – a disposizione della Municipalità, affinché la medesima elabori una graduatoria e li assegni a coloro che hanno la casa inagibile. 
 
Lo ha reso noto il sindaco Massimo Cialente, il cui avviso è stato pubblicato all’albo pretorio dell’ente e sul sito internet istituzionale www.comune.laquila.it, in attuazione delle disposizioni contenute nell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3769 del 15 maggio 2009. Provvedimento che fissa i canoni di locazione, in relazione ai posti letto, che saranno a carico non degli affittuari, ma dello Stato.
Al documento è allegato anche lo schema della risposta che gli interessati devono compilare per ufficializzare la propria disponibilità. Nota che, con gli allegati segnalati nello stesso schema, vanno consegnati al Comune, al “servizio per l’assistenza e le politiche abitative post sisma”, situato nella scuola “Collodi”, in via Aldo Moro.

Procedura mediante assegnazione diretta (accordo tra le parti)
 
Come indicato nell’avviso, il sindaco Cialente ha fornito anche alcuni importanti chiarimenti sulle condizioni e sulle procedure che possono essere seguite per l’assegnazione di alloggi ad uso abitativo. Indicazioni rivolte ai nuclei familiari residenti nel Comune dell'Aquila alla data del 6 aprile 2009, che provvedono in modo autonomo all'individuazione dell’alloggio NEL TERRITORIO DELLA REGIONE ABRUZZO da prendere in locazione e all’acquisizione del consenso del proprietario.
Dunque, pur restando sempre valida la procedura che prevede la formazione di una graduatoria pubblica per la assegnazione di alloggi messi a disposizione di questo Comune da parte di privati, è possibile anche l’accordo diretto tra le parti, proprietari e interessati a prendere l’immobile in affitto.

Soggetti interessati
Nuclei familiari secondo le risultanze anagrafiche (anche di una sola unità, alla data del 6 aprile 2009) che siano in possesso dei seguenti requisiti:
 
a) le relative abitazioni principali siano state distrutte o dichiarate inagibili in conseguenza del sisma del 6 aprile 2009;
b) non dispongano di altra soluzione abitativa alternativa nel territorio abruzzese a titolo di proprietà o di usufrutto, anche se intestato ad un componente del nucleo familiare;
c) fruiscano del contributo economico per la autonoma sistemazione, di cui all’ordinanza n. 3574 del 15 aprile 2009, o vi abbiano rinunciato;
d) risultano residenti o stabilmente domiciliati nel Comune dell'Aquila alla data del 6 aprile 2009.

I requisiti b) e c) devono essere accertati mediante autodichiarazione dell’affittuario.

Procedura
I nuclei familiari con residenza all’Aquila possono autonomamente ricercare sul territorio abruzzese la disponibilità di un alloggio mobiliato di proprio gradimento, acquisendo formalmente dal proprietario una dichiarazione di disponibilità a concederlo in affitto nel rispetto delle condizioni economiche specificate nella ordinanza 3769 del 15 maggio 2009. 
Per gli alloggi in locazione sono previsti i canoni mensili di seguito specificati nell'ordinanza n. 3769 e, in particolare:
 
a) per nuclei fino a due componenti fino a 400 euro
b) per nuclei di tre componenti fino a 500 euro
c) per nuclei di quattro componenti fino a 600 euro
d) per nuclei di cinque o più componenti fino a 800 euro
 
Qualora l’alloggio non sia ammobiliato, gli importi sopra specificati sono ridotti del 10%.
 
Come accennato precedentemente, i canoni mensili di locazione sono a carico del fondo della Protezione Civile.  Gli oneri di manutenzione ordinaria e quelli delle utenze domestiche, compresa la tassa sui rifiuti, restano a carico dell’affittuario.
 
In ogni caso, il Comune dell’Aquila, per mezzo del dirigente delegato dal sindaco,  sottoscriverà il modello  di convenzione allegato al presente comunicato e pubblicato in coda all’ordinanza n. 3769 insieme all’affittuario (residente all’Aquila) e al proprietario.
 
Si precisa, in proposito, che è consentita l'utilizzazione del solo modello di convenzione allegato, con esclusione di ogni altra elaborazione, a garanzia della legittimità dei comportamenti e della sostenibilità degli oneri a carico del fondo della Protezione civile. Come previsto dall’ordinanza, la convenzione è stipulata per sei mesi, con possibilità di rinnovo tacito di ulteriori sei mesi e fino a 18 mesi complessivi.
 
Per la formale sottoscrizione della convenzione, il proprietario dell’immobile e l’affittuario devono presentarsi alla sede del “servizio per l’assistenza e le politiche abitative post sisma”, situato nella scuola “Collodi”, in via Aldo Moro (tel. 0862. 412470). La convenzione viene sottoscritta, in rappresentanza del Comune dell’Aquila, dall’avvocato Paola Giuliani, dirigente responsabile del servizio in questione.
 
Il proprietario e l’affittuario devono presentarsi con un valido documento d‘identità.
 
Il proprietario, inoltre, è tenuto a produrre una dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR n. 445 del 2000, attestante l’ubicazione, la descrizione dei vani e catastale e lo stato dell’immobile, la consistenza dei beni immobili e il loro stato, nonché la dotazione di utenze a norma di legge e funzionanti.
 
L’amministrazione provvede alla revoca della convenzione, con un preavviso di 30 giorni, per sopravvenuta dichiarazione di agibilità oppure se l’abitazione principale dell’assegnatario è stata ricostruita. L’accertata falsità, anche parziale, dell’autocertificazione comporta la revoca dell’assegnazione. Di conseguenza non ci sarà più corresponsione dei canoni di locazione da parte della Protezione civile.
 
Si raccomanda di porre attenzione sull’obbligo del proprietario di allegare al contratto di locazione una dichiarazione con l’analitica elencazione dei beni mobili presenti nell’alloggio oggetto di locazione; la dichiarazione deve essere firmata anche dall’affittuario. Il dirigente incaricato dal Comune dell’Aquila di sottoscrivere la convenzione rilascerà una copia del contratto al proprietario e all’affittuario.
 
 
Fonte: Ufficio stampa del Comune dell'Aquila. 

Tags comune
Ultimo aggiornamento Sabato 27 Giugno 2009 23:26